testata per stampa
25
maggio, 2017
giovedì
Ricerca libera:




Calendario Eventi

DAI COMUNI/Video
Video-intervista a Raoul Bova e Chiara Francini, ospiti del Teatro Garibaldi

Newsletter

Se vuoi ricevere la newsletter dell'Ufficio Stampa dei Comuni di Figline e Incisa Valdarno, inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica nel campo sottostante 

Normativa Privacy


Ricerca Comunicati
Dal giorno:
Al giorno:
Categoria:

keywords:

18/04/2017 17:25

Tigli malati in viale Marconi: iniziati lavori abbattimento

L’intervento proseguirà domani. Al posto dei 19 tigli saranno piantati 19 liquidambar, poi nuovo asfalto e marciapiedi

 

E’ iniziato stamani e proseguirà nei prossimi giorni l’intervento di abbattimento dei tigli di viale Marconi a Incisa, su cui il Comune sta investendo 60mila euro per una riqualificazione generale che comprende anche il rifacimento dei marciapiedi (entrambi i lati) e l’asfaltatura della strada.

 

L’abbattimento degli alberi è urgente poiché i 19 tigli risultano malati (i tronchi sono completamente svuotati) e allo stato attuale - dopo anni in cui si è cercato di intervenire in tutti i modi per recuperarli - la situazione risulta ormai compromessa e non c’è altra soluzione che il taglio. Il rischio è che possano essere pericolosi per le cose o per le persone; tutte le piante, infatti, presentano nella totalità gravi problemi fitosanitari: pur manifestando nel loro aspetto primaverile-estivo una chioma verde e attiva presentano vistose alterazioni radicali, presenza di cavità  e carie diffuse, comparsa di corpi fungini che testimoniano il generalizzato grave stato di sofferenza delle piante. I 19 tigli abbattuti saranno sostituiti da altrettanti liquidambar dell’altezza di 4,5 metri, che nel tempo potrà raggiungere un’altezza tra i 15 e i 18 metri. Si tratta di una pianta introdotta in Europa dagli Stati Uniti nel 1861 e nella nostra città è stata già collocata in via della Resistenza e in piazza Parri.

 

“E’ sempre un dispiacere dover intervenire in un modo drastico come questo, specie quando si tratta di un viale alberato a cui tutti siamo molto affezionati – ha spiegato la sindaca Giulia Mugnai -, ma il pericolo è reale e incombente, quindi per salvaguardare l’incolumità delle persone l’unica possibilità rimasta è il taglio. Alla luce di questa esigenza abbiamo inserito viale Marconi in un progetto di riqualificazione complessiva che porterà al rifacimento dell’asfalto stradale e dei marciapiedi, eliminando quelle barriere architettoniche che, al momento, sono rappresentate proprio dalle radici sporgenti dei tigli. Credo quindi che alla fine dell’intervento viale Marconi sia forse meno ombreggiato, ma sicuramente più sicuro, funzionale e accessibile a tutti”.

 

Come accennato, dunque, l’intervento si concluderà entro 60 giorni con l’abbattimento degli alberi e la piantumazione dei liquidambra, il rifacimento dei marciapiedi e l’asfaltatura della strada per un totale di 60mila euro.

 

 


«Torna alla lista